Wednesday, 15 December 2010

Ecco perché!!! L'appagamento della curiositá!!

L'altro ieri sera, durante uno degli ormai usuali viaggi di andata da Orio al Serio a London Stansted, stavo leggendo un articolo sul numero 508 di Le Scienze (Dicembre 2010): "Quei ritornelli sulla ricerca italiana", di Fabrizio Carbone, professore di chimica-fisica al Politecnico di Losanna.

L'articolo inizia cosí:
"La carriera accademica é un'opportunitá per scambiare opinioni e apprendere idee dalle menti piú brillanti. É un mondo affascinante in cui si trova, piú che la soddisfazione economica o il brivido del potere, l'appagamento della curiositá."

L'appagamento della curiositá

Improvvisamente mi é balzata agli occhi come ovvia la ragione per cui al momento sto perseguendo una carriera accademica, idea che non mi era mai dispiaciuta, ma che neanche avevo messo al primo posto.

L'appagamento della curiositá

Ecco perché!!! Si passa la vita a cercare di capire se stessi, e spesso questo compito prende tutta la vita (e considero questo un aspetto positivo sinceramente), ma devo dire che questa frase é stata come una rivelazione per me. L'unica cosa chiara che conosca su me stesso é proprio questa: soffro di una curiositá insaziabile per qualsiasi cosa che abbia a che fare con la scienza e la tecnologia. E dato che la carriera accademica e uno dei lavori con il maggior potenziale di soddisfazione di questa curiositá, probabilmente consciamente o inconsciamente ho instradato la mia vita per questa via.

E devo dire che questa semplice frase giustifica molte delle dure scelte che ho fatto, scelte le cui conseguenze ricadono pesantemente non solo su di me (questo é il minimo), ma anche sulla mia famiglia.

Anche se non era lo scopo principale dell'articolo, ringrazio molto Fabrizio Carbone.

No comments: