Saturday, 12 November 2011

Giornata storica

Sabato sera, ore 21:30 circa (inglesi, 22:30 in Italia), del 12 Novembre 2011.

Mi arrivano degli sms dai colleghi di lavoro qui in UK, e il succo é sempre quello:"Congratulazioni! Complimenti! Alleluja!". Come se avessi vinto qualcosa, come se di colpo la mia vita fosse migliorata...

Ringraziando spiego che, sí, le dimissioni del Presidente Silvio Berlusconi é un risultato ambito e sognato e sperato e necessario, ma purtroppo non risolverá tutti i problemi dell'Italia...anche se, scrivendo queste parole, negli sms di risposta ai miei amici, sento un "friccico nel core", un entusiasmo, una allegria che mi ricorda le emozioni provate quando l'Italia ha vinto i mondiali di calcio nel 2008. Non si puó negare, il senso di liberazione c'e', e prevale su ogni pesante pessimismo che ha aleggiato per cosí tanto tempo in Italia da risultare accettabile e normale...

Sará anche perché le borse hanno risposto subito positivamente alla cosa, sará perché il famigerato tasso dei bond é finalmente sceso, l'ottimismo si rafforza...forse non tutto é perduto in Italia, forse (come tante volte é successo in passato e, stranamente o ovviamente, come succedeva anche per la nazionale degli azzurri, che ci faceva soffrire come cani) ci salveremo in corner...

Ma non ci voglio pensare ora, voglio solo godermi questo momento di euforia e, dopo un lungo, lunghissimo tempo, torno ad essere un pochino orgoglioso di essere italiano. Anzi no, scusate, Italiano.

Emigrato in UK