Wednesday, 6 February 2008

Configurare modem NETGEAR per ALICE 7 Mega

Dato che per me e' stata una fatica configurare esattamente il modem-router wi-fi NETGEAR DG834G v3 per ALICE 7 Mega vorrei risparmiare questa fatica ad altri. Questi parametri di configurazione dovrebbero andare bene anche per modem-router di altre marche.

Solo una nota: se dovete ancora acquistarlo assicuratevi che abbia la caratteristica 2+ (per ricevere il segnale a 7 mega). Di solito e' scritto di fianco al nome del modello (a volte scritto 2 plus).

1) Per accedere alla schermata di configurazione aprite il browser (Firefox, Internet Explorer oc hi per loro) e digitate questo indirizzo:
http://192.168.0.1/

2) Inserite username e password. Se non le avete mai cambiate inserite come username "admin" e come password "password" (senza virgolette).

3) IMPOSTAZIONI DI BASE

3.1 La connessione Internet richiede un account di accesso? Si'
3.2 Incapsulamento: PPPoE
3.3 Accesso:
Password:
3.3.a Se non avete effettuato ancora la registrazione allora inserite "aliceadsl" SIA come username che come password
3.3.b Se avete gia' effettuato la registrazione allora inserite la vostra username e password (es. Accesso: pincopalla@alice.it)

3.4 Nome servizio: aliceadsl

3.5 Indirizzo IP Internet: Caricamento dinamico da ISP

3.6 Indirizzo Domain Name Server (DNS): Caricamento automatico da ISP

3.7 NAT: come volete, io l'ho messo attivo

4) Impostazioni ADSL

4.1 Metodo di multiplazione: LLC
4.2 VPI: 8
4.3 VCI: 35
4.4 DSL Mode: ADSL (G.DMT)

Per ulteriori domande o chiarimenti potete scrivermi a maurizio.alexandros at gmail.com

6 comments:

Luca Mauri said...

Se permetti, aggiungo solo due cose.
Prima di tutto, non è detto che l'encapsulation PPPoE funzioni su ogni linea. Esistono due metodi di incapsulazione, il PPPoE e il PPPoA, la maggior parte dei router in commercio li supporta entrambi, ma non tutti i MUX sono auto-adaptive per questo parametro. Per questo motivo, i lettori possono anche provare a configurare l'incapsulazione come PPPoA avendo anche cura di usare VC-MUX come multiplexing.

Secondariamente, vorrei attirare l'attenzione del lettore sul parametro NAT: il NAT (Network Address Translation) va lasciato disattivato solo se le macchine che stanno dietro il router e che devono andare su internet hanno un indirizzo IP pubblico. Nella maggior parte dei casi, un utente SOHO non dispone di un pool di indirizzi pubblici: in questo caso lasciando attiva l'opzione NAT, il router si occuperà di effettuare la traduzione degli indirizzi privati interni verso l'unico IP pubblico esterno assegnato dal ISP. Una curiosità: quello che normalmente è detto NAT nella maggior parte dei casi (questo incluso) è in effetti un PAT, Port Address Translation. Infatti un router come questo usa diverse porte di un solo indirizzo pubblico per accomodare molti indirizzi privati differenti. Per questo, spesso la tecnica si dice NAT/PAT.

MauCollu said...

Ringrazio Luca Mauri per le importanti precisazioni

Anonymous said...

ti ringrazio tanto, ciao

Anonymous said...

grazie! sono ancora validi dopo 2 anni!

Davide said...

Grazie, per ora pare che vada!
Io ho il tuo stesso Router, ma è un v2... non so quindi se è anche +2...

Anonymous said...

Grazie senza il tuo aiuto saremo ancora li a provarci!!!